"If I think about the future of cinema as art, I shiver" (Y. Ozu, 1959)

Salomé Jashi

Wednesday, 25 August 2021 16:21

Taming the Garden

L’immagine dell’albero trasportato sulle acque che segna questo film e di cui giustamente tutti parlano, non è più poeticamente rilevante del trasporto stesso in mezzo a una parata di sguardi sbigottiti e colpiti al cuore. E il viaggio non è a sua volta più politicamente rilevante del fatto che l’albero venga sradicato per fini tutt’altro che nobili. Un albero è un albero, filmalo nella terra e con la comunità cui appartiene e che lo veglia. L’atto dello scavare e del portare via per sempre alla vista è lo stesso che l’atto di cavare gli occhi e, infine, di sottrarre valori a una comunità il cui essere comunità può dipendere anche solo dallo svegliarsi la mattina e vedere quell’albero al suo posto. Riconoscere e riconoscersi. Sentirsi a casa come riconoscimento di un’identità visiva e non solo giuridica. Salomé Jashi ha la sensibilità di ricreare questa rottura profonda nel cuore d’Europa nell’andamento stesso del film, che solo a poco a poco comprende e apre gli occhi nel momento in cui racconta di uno spodestamento e di un accecamento.  

 

Read 327 times
Rate this item
(0 votes)

- Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e gestire la tua navigazione in questo sito. I cookies necessari al funzionamento del sito sono già stati installati.Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la Cookies policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information