"If I think about the future of cinema as art, I shiver" (Y. Ozu, 1959)

Alice Diop

Wednesday, 25 August 2021 16:22

Nous

Lento e avvolgente ritorno a casa notturno. Flash-back dal film precedente. L’avvicinamento dilata il racconto, spirale dopo spirale. La storia personale entra fluida, poetica nell’ingranaggio freddo di una Nazione che ormai è un corpo martoriato. Ferite. Bisogna scavare più a fondo. Si può ancora dire noi? E il documentario è un livello accettabile di immaginazione della realtà? Alice Diop è già a un livello superiore. L’inizio e la fine, misteriosi, l’alba di una caccia nei boschi, renoiriana eco. La Règle du jeu parlava già di un paese che faticava a riconoscersi. Soprende la consapevolezza, la dura saggezza di questo grande film. La RER B che taglia Parigi da Nord a Sud non è altro che ulteriore lacerazione. Non unisce, va e riporta a casa, divide tutti. Ma anche questo viene detto con l’attenzione giusta, l’apprensione giusta, la tensione giusta. Alle divisioni che si autoalimentano, la risposta di uno sguardo che invita con accortezza a misurare il nostro imbarazzo. A guardar bene. C’è sempre uno sprazzo di umanità che si ostina a resistere. 

 

Read 356 times
Rate this item
(0 votes)

- Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e gestire la tua navigazione in questo sito. I cookies necessari al funzionamento del sito sono già stati installati.Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la Cookies policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information